Salta al contenuto principale

Contatti

View

Accesso Rapido

Domande e risposte

Diabete e sport: l’importanza dell’attività fisica nei pazienti diabetici

Il binomio diabete e sport è sempre stato vincente: l’esercizio fisico è un elemento indispensabile nel trattamento del diabete, sia di tipo 1 che di tipo 2, ed è uno dei metodi di prevenzione del diabete più efficaci. Questo è dovuto al fatto che il nostro corpo per il 70% del suo peso è composto dall’apparato locomotore, che durante una qualsiasi attività viene stimolato, favorendo un migliore compenso metabolico.

Brevi cenni storici

Già nella prima metà dell’800, prima della scoperta dell’insulina, si notava come svolgere attività fisica dopo un pasto abbondante portasse notevoli benefici alla persona affetta da diabete.

Nel 1926, 5 anni dopo la scoperta dell’insulina, il medico inglese Robert Daniel Lawrence, anch’esso diabetico, dimostrò scientificamente per la prima volta quanto l’esercizio fisico fosse importante nel trattamento del diabete, mostrando come un’iniezione di 10 unità di insulina pronta portasse a un abbassamento glicemico maggiore e più rapido se seguito da un’attività fisica.

Diabete e sport: sì, ma quale?

Prima di intraprendere un’attività sportiva, è bene conoscere quali sono gli sport più indicati per chi soffre di diabete.

Si distinguono due tipologie di sport: anaerobico e aerobico. Mentre nello sport aerobico è richiesto uno sforzo fisico moderato per un tempo prolungato, nello sport anaerobico è necessario uno sforzo intenso per un periodo di tempo più breve.

Ai pazienti diabetici si consiglia, generalmente, di dedicarsi a sport aerobici (tennis, nuoto, corsa leggera, etc.), piuttosto che a sport anaerobici (corsa veloce, sollevamento pesi, etc.).

È opportuno che evitino, inoltre, sport di contatto (lotta, pugilato) e sport motoristici (automobilismo, motociclismo, etc).