Salta al contenuto principale

VitalAire Italia lancia il sito sull’Apnea del Sonno

Le Apnee notturne

VitalAire Italia – società del Gruppo Air Liquide specializzata nelle attività Home Healthcare - ha lanciato ufficialmente la versione italiana del sito “All about Sleep Apnea”, un sito di informazione pedagogico e innovativo interamente dedicato all’Apnea del Sonno.

La Sindrome delle Apnee del Sonno è un disturbo del sonno caratterizzato da interruzioni brevi e ripetute della respirazione. Queste interruzioni possono durare da 10 a 60 secondi, talvolta di più, e ripetersi fino a diverse centinaia di volte per notte. La Sindrome di Apnea Ostruttiva del Sonno (OSAS) è il tipo di apnea del sonno più ricorrente; è causata da un’ostruzione temporanea delle vie respiratorie superiori, a livello della gola, e riguarda persone di tutte le età, uomini e donne. Si stima che dall’1 al 6% della popolazione mondiale soffra di Apnee del Sonno da moderate a gravi(1). Nonostante questa patologia sia diffusa, circa l’80% delle persone che ne sono affette ignora di soffrire di Apnea Ostruttiva del Sonno(2); una percentuale che in Italia si aggira addirittura attorno al 90%.

La Sindrome di Apnea Ostruttiva del Sonno può essere all’origine di gravi problemi cardiovascolari, come crisi cardiache o incidenti cerebrovascolari ed ha un effetto diretto sulla qualità della vita di chi ne è affetto. Uno dei temi rilevanti per coloro che soffrono di Apnee del Sonno è relativo al rilascio della patente di guida: la Direttiva Europea 2014/85/UE del 1° luglio 2014 (recepita in Italia con Decreto del 22/12/2015 del Ministero dei Trasporti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 13 gennaio 2016) prevede che qualsiasi cittadino europeo che richieda il rilascio o il rinnovo della patente di guida e presenti una condizione di moderata o severa OSA debba sottoporsi ad ulteriori accertamenti prima che essa venga rilasciata.

In quanto attore chiave nella presa in carico di questa patologia, VitalAire è impegnata a informare il grande pubblico e favorire il dialogo con i pazienti e i professionisti della sanità. È l’obbiettivo della piattaforma www.all-about-sleep-apnea.com/it che mira a sensibilizzare e informare il grande pubblico sulle conseguenze ed i trattamenti di questa sindrome. Rivolto a utenti e pazienti, semplice e immediato, questo sito è organizzato secondo le grandi tematiche che interessano gli internauti. Sono proposte diverse aree che ospitano testimonianze scritte o video di pazienti e medici esperti. Inoltre, al fine di seguire l’attualità, un account twitter è stato creato dal Gruppo con l’obiettivo di diffondere le informazioni chiave ().

A partire dallo scorso dicembre, inoltre, le attività Healthcare di Air Liquide in Italia si sono dotate di siti web rinnovati nei contenuti e nella grafica, al fine di fornire informazioni sempre aggiornate e facilmente reperibili, ed accompagnare l’utente in modo semplice ed intuitivo alla scoperta del proprio universo e dei servizi offerti sia nel settore ospedaliero (www.airliquidehealthcare.it) che nel settore domiciliare (www.vitalaire.it - www.medicasaitalia.it).

Franco Margaria, Direttore Generale di Air Liquide Healthcare Italia, ha dichiarato: «In quanto attori chiave nel trattamento dell’apnea del sonno, è nostra responsabilità informare i pazienti per aiutarli a comprendere meglio la loro patologia. Questo è l’obiettivo del nuovo sito internet dedicato alle apnee del sonno, che illustra anche l’impegno di Air Liquide Healthcare ad innovare e proporre nuovi supporti pedagogici interattivi per il pubblico e i pazienti. – e, commentando il lancio dei nuovi siti web delle attività Healthcare, ha concluso - È inoltre responsabilità di un grande Gruppo essere al passo con i tempi e utilizzare al meglio i vantaggi che le nuove tecnologie offrono, quali la possibilità di raggiungere il grande pubblico e fare da cassa di risonanza per contenuti informativi di interesse per la società, oltre che costituire un canale efficace per dare visibilità ai servizi proposti dall’azienda destinati sia ai propri pazienti che ai professionisti della sanità».

Scarica il documento