Salta al contenuto principale

News

Apnee notturne nelle donne. Come si manifestano?

19/08/2020 - 09:53 am - Apnee Notturne
apnee notturne donne

Come si manifestano nelle donne?

Sono numerosi i fattori che possono provocare o favorire la comparsa di apnee notturne nelle donne, tra questi, sindromi metaboliche come obesità, sovrappeso, sedentarietà e ipertensione. Anche l’espansione dell’utero durante la gravidanza può provocare uno spostamento del diaframma che modifica leggermente la meccanica polmonare favorendo la comparsa di questa malattia del sonno. È però in concomitanza con la post-menopausa (tra i 50 e i 70 anni) che questa patologia diventa più comune. Anche la sindrome dell’ovaio policistico sembra associata alla comparsa dell’apnea notturna.

I sintomi 

Per quanto riguarda le donne, l’apnea notturna non è affatto semplice da diagnosticare, è infatti differente da quella che si manifesta negli uomini e comporta sintomi di più difficile individuazione. Si stima infatti che la diagnosi negli uomini sia 8 volte più frequente rispetto ai casi di apnea notturna nelle donne, nonostante siano moltissimi i soggetti femminili a soffrire di questa patologia. Un recente studio ha scoperto infatti che il 50% delle donne tra i 20 e i 70 anni soffre di sospensioni del sonno causate dalla sindrome dell’apnea ostruttiva.
Negli uomini il russamento è uno dei principali campanelli di allarme. Per le donne invece, che solitamente russano in modo più leggero, a volte in maniera impercettibile, è più difficile rendersi conto di tale problema. Inoltre, gli episodi di apnea sono più brevi e quindi la tendenza è quella di ignorarli o sottovalutarli. Nonostante siano meno evidenti, gli effetti di questi disturbi sulle donne sono più intensi: possono infatti provocare spossatezza, problemi di memoria, emicranie, palpitazioni, disturbi della concentrazione e, in alcuni casi, anche associarsi alla sindrome delle gambe senza riposo. Inoltre, un recente studio condotto dalla Dottoressa Simms, dell’Università di Sydney (Australia), ha dimostrato che l’apnea notturna nelle donne è spesso associata a disturbi dell’umore, come ansia e depressione.

Possibili conseguenze 

Diversi studi hanno dimostrato la relazione tra apnee notturne e comparsa di ictus, diabete, depressione e ansia nelle donne giovani. Ma non solo, uno studio promosso dalla European Respiratory Society ha anche rilevato che le donne con OSA (Apnea Ostruttiva nel Sonno) sono più inclini a sviluppare il cancro. I bassi livelli di ossigeno nel sangue durante la notte e i disturbi del sonno, fenomeni entrambi legati alle apnee ostruttive, possono infatti favorire diversi tipi di tumore. È dunque fondamentale diagnosticare quanto prima questo disturbo tramite monitoraggio del sonno o rivolgendosi a uno pneumologo specialista e, nel caso, avviare una terapia con CPAP

Tags: Salute