Salta al contenuto principale

La ventilazione artificiale può essere eseguita in diversi modi, a seconda delle esigenze del paziente.

Ventilazione invasiva e non invasiva

La ventilazione meccanica viene attuata applicando dall’esterno (con un ventilatore) un flusso, quindi una pressione positiva, che entra all’interno delle vie aeree (trachea e polmoni). Tale ventilazione meccanica può essere effettuata e quindi prescritta dal medico in due modalità.

1. Ventilazione non invasiva.

La ventilazione non invasiva viene praticata per mezzo di apposite maschere facciali o nasali che, una volta fissate al volto del paziente tramite apposite "cuffiette", permettono di collegarsi al ventilatore meccanico che erogherà il flusso attraverso un circuito.

2. Ventilazione invasiva

La ventilazione invasiva consiste nell’inserire una cannula tracheostomica di materiale plastico in un foro di pochi centimetri eseguito sulla cute all’altezza della trachea. Tale cannula permetterà l’entrata del flusso di aria del ventilatore ai polmoni.